+39 329 695 9683
info@albertoastone.it
Consultazione gratuita

Fratture del radio distale

Le fratture che coinvolgono la meta-epifisi distale del radio sono le più frequenti fratture nell’adulto. Il tipo più comune è la frattura di Colles, in cui il moncone di frattura distale è inclinato verso l’alto o dorsalmente. La superficie articolare del radio può essere interessata o meno così come la stiloide ulnare. La frattura di Smith è l’opposto della frattura di Colles: il frammento distale è inclinato verso il basso o volarmente. La frattura di Barton è una frattura intra-articolare associata a sublussazione del carpo, sia dorsalmente che volarmente, assieme al frammento articolare scomposto del radio. La frattura “dell’autista” è una frattura obliqua attraverso la base della stiloide radiale. La frattura “die-punch” è una frattura da schiacciamento della superficie articolare opposta alle ossa scafoide e semilunato.

I pazienti riferiscono dolore acuto, dolorabilità e deformità del polso, assieme a una storia di caduta sull’arto esteso.

Sono necessarie le radiografie in AP e LL dell’avambraccio e del polso, se vi è gonfiore e dolorabilità al gomito è necessario eseguire anche lì gli accertamenti radiologici.

Una scorretta diagnosi ed un trattamento non idoneo possono comportare complicanze come pseudoartrosi, riduzione dell’articolarità del polso e delle dita, algodistrofia, riduzione della forza di presa, artrosi post-traumatica o, raramente, sindromi post compartimentali.

L’accuratezza della riduzione delle fratture dell’epifisi distale del radio è correlata con il risultato funzionale. La riduzione anatomica è l’ideale, ma talvolta si possono accettare riduzioni non perfette, in base alla comminuzione della frattura, all’età e alle condizioni mediche del paziente: le persone più anziane e meno attive tollerano eventuali deformità residue meglio dei soggetti giovani.

A causa della possibile scomposizione della frattura durante il trattamento in gesso, è necessario eseguire radiografie di controllo in AP e LL ogni settimana per le prime due settimane.
Il gesso antibrachio-metacarpale va indossato per almeno 30 giorni.
Alla rimozione dell’apparecchio gessato il paziente dovrebbe indossare un tutore rimovibile per 3 settimane.

Le fratture scomposte sono frequentemente instabili e richiedono un ulteriore rivalutazione ed eventuale intervento chirurgico che, nella maggior parte dei casi, permette una mobilizzazione immediata del polso.

Per approfondimenti richiedi informazioni
Medico Chirurgo Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Dott. Alberto Astone
+39 329 695 9683
05743000654
Per consulti e prenotazioni contattami telefonicamente oppure compila il form. Sarai contattato nel più breve tempo possibile.

Vuoi avere informazioni su un argomento specifico? Compila il form.

Data arrivo
Data partenza
Numero persone
Nome
Telefono
E-mail
Note
Cliccare qui per leggere l'Informativa sulla Privacy