+39 329 695 9683
info@albertoastone.it
Consultazione gratuita

Artrosi carpometacarpale del pollice o Rizoartrosi

L'artrosi degenerativa dell'articolazione carpometacarpale (CMC) del pollice si verifica più frequentemente nelle donne di età compresa tra i 40 e i 70 anni. Si pensa che la varietà idiopatica sia dovuta a fattori anatomici (forma dell'articolazione e lassità legamentosa) che predispongono l'articolazione ad instabilità, forze di attrito e, conseguentemente, cambiamenti degenerativi. 

Sintomi clinici
Il sinotmi pià comune è il dolore alla base del pollice durante le prese di forza e pulpare. Il dolore si può iradiare prossimalmente al polso e all'avambraccio. Sovente viene lamentata una riduzione della forza di presa. I pazienti talvolta possono notare instabilità, un "blocco", o uno "scatto" in certi movimenti. Manifestazioni tardive sono rigidità dell'articolazione CMC in adduzione con iperestensione secondaria della metacarpofalangea (MF). 
La sindrome del tunnel carpale può coesistere o mimare i sintomi dell'artrosi della CMC.

Esame obiettivo
Il segno distintivo è la dolorabilità dell'articolazione nella regione alla base del pollice sul versante palmare e radiale. La manipolazione dell'articolazione CMC, con un contemporaneo carico longitudinale  (compressione), causa dolore e sovente crepitii o instabilità. Il "Watson stress test" riproduce facilmente il dolore dell'artrite della CMC. 

Esami diagnostici
Le radiografie in anteroposteriore e laterale del pollice mostrano un assottigliamento dello spazio articolare, sclerosi subcondrale e diversi gradi di sublussazione o dislocazione dell'articolazione CMC.

Trattamento
Il trattamento iniziale in fase acuta dovrebbe consistere nell'immobilizzare il pollice in un tutore e nell'uso di FANS (farmacai antinifiammatori non steroidei) per controllare il dolore. Se si ripresentano i sintomi, è utile continuare l'utilizzo del tutore per periodi intermittenti. 
Se il trattamento con il tutore non si rivela efficace, bisognerebbe procede a una infiltrazione intra-articolare con ossigeno-ozono, corticosteroidi o acido ialuronico. Sebbene l'infiltrazione non alteri la normale evoluzione della patologia, molti pazienti riferiscono sollievo dal dolore che dura diversi mesi dopo ogni somministrazione.

Il fallimento del trattamento conservativo indica la necessità di una rivalutazione clinica ed eventuale soluzione chirurgica

Per approfondimenti richiedi informazioni

Medico Chirurgo Specialista in Ortopedia e Traumatologia
Dott. Alberto Astone
+39 329 695 9683
05743000654
Per consulti e prenotazioni contattami telefonicamente oppure compila il form. Sarai contattato nel più breve tempo possibile.

Vuoi avere informazioni su un argomento specifico? Compila il form.

Data arrivo
Data partenza
Numero persone
Nome
Telefono
E-mail
Note
Cliccare qui per leggere l'Informativa sulla Privacy